¨°o.O أســـ مصر ــــــود O.o°¨


مرحبا بك عزيزي الزائر
المرجوا منك ان تعرف بنفسك وتدخل معنا المنتدى
إذا لم يكن لديك حساب بعد
نتشرف بدعوتك لإنشائه
مدير الموقع


أفلام , ألعاب , برامج , مسلسلات , مسرحيات , صوتيات ومرئيات إسلامية , وكمان أحلى الاعضاء
 
الرئيسيةبحـثالتسجيلدخول

شاطر | 
 

 Il terrorismo israeliano

اذهب الى الأسفل 
كاتب الموضوعرسالة
msi
مشرف
مشرف
avatar

كيف تعرفت علينا : صديق
الجوزاء الحصان
عدد المساهمات : 498
العمر : 28
العمل/الترفيه : م/ محمد سلامة مبرمج كمبيوتر(v.p _قواعد بينات_الخ.........) بشركة مصر فودز بــ 6 اكتوبر
الجنس : ذكر
جنسيتك : مصري
علم دولتك :
المهنة :
مزاجك ايه :
الهواية :
نقاط : 18730
السٌّمعَة : 4
وسام :
 توقيع المنتدى : توقيع المنتدى

مُساهمةموضوع: Il terrorismo israeliano   الجمعة نوفمبر 06, 2009 9:32 am




Massacri Israeliani







Mercoledi 31 dicembre 2008

التضامن في غزة
Solidarietà a Gaza

Gaza. Solidarizzare con chi resiste, denunciare chi collabora con i bombardamenti israeliani
In queste ore la Striscia di Gaza è stata trasformata in una trappola mortale dai bombardamenti israeliani che hanno già fatto centinaia di morti e altrettanto feriti che moriranno nelle prossime ore perché gli ospedali erano al collasso già da due anni a causa del vergognoso embargo

I palestinesi di Gaza sono chiusi in ogni lato dai militari israeliani e da quelli egiziani, sottoposti a micidiali bombardamenti e impediti a uscire da questo nuovo “ghetto di Varsavia” per cercare rifugio, alimenti, assistenza medica e protezione

Chiunque abbia un minimo senso di giustizia e verità oggi non puo' e non deve tacere di fronte al genocidio in corso a Gaza, un genocidio fatto prima di lento strangolamento economico/sanitario e di assedio e poi da missili, bombe e cannonate sull’area del mondo a maggiore densità di popolazione

Noi riteniamo che sia giunto il momento di prendere posizione e di avviare una vasta campagna di mobilitazione tesa a impedire l’annientamento politico e materiale della popolazione palestinese da parte di Israele

Per questi motivi riteniamo che
1) Oggi occorre schierarsi apertamente con chi a Gaza oppone resistenza con ogni mezzo all’aggressione israeliana e condannare altrettanto apertamente chi si dissocia dalla resistenza. Riteniamo pertanto inaccettabili le parole e l’atteggiamento del presidente palestinese Abu Mazen e degli altri dirigenti dell’ANP che ritengono Hamas, e non Israele, responsabili della situazione, cercando di approfittare dell’aggressione per determinare un nuovo rapporto di forza dentro lo scenario palestinese. Abu Mazen si dovrebbe preoccupare di smentire le dichiarazioni del ministro israeliano Tzipi Livni la quale ha confermato che l’offensiva militare contro Gaza e Hamas andrà avanti fino a quando non ci sarà un nuovo equilibrio di potere funzionale agli interessi israeliani. Se la prospettiva di Abu Mazen e dell’ANP è simile a quella di un governo come quello di Al Maliki in Iraq, è evidente come tale prospettiva non possa trovare più alcun sostegno da parte di chi anima la solidarietà con la lotta del popolo palestinese

2) Sulla situazione in Palestina emergono le gravissime complicità dei regimi arabi reazionari e filo imperialisti – in modo particolare dell’Egitto – che si rende ancora complice dell’embargo e del blocco contro la popolazione palestinese di Gaza arrivando a schierare le forze armate ai confini e facendo sparare contro i palestinesi che cercavano di fuggire dalla trappola di Gaza cercando rifugio e protezione in Egitto

3) Va affermato con forza che la responsabilità della drammatica situazione a Gaza è della politica di annientamento perseguita da Israele con la complicità dell’Egitto, degli USA e dell’Unione Europea e non di Hamas. Non si può continuare a fare confusione su questo

Gaza è assediata per terra e per mare da due anni chiudendo in trappola un milione e ottocentomila persone. La tregua non è stata rotta da Hamas o dalle altre organizzazioni palestinesi attive nella Striscia di Gaza ma dalle autorità israeliane che durante la "tregua” hanno ucciso 25 palestinesi, effettuato arresti e rastrellamenti in Cisgiordania, mantenuto chiusi i valichi impedendo ai palestinesi di Gaza di entrare, uscire o ricevere i rifornimenti necessari per sopravvivere. Ogni simmetria tra il lancio di razzi palestinesi a dicembre e i feroci bombardamenti israeliani è una ingiuria alla verità e alla giustizia

4) I governi europei (incluso quello italiano) hanno preso posizioni formali ed equidistanti sul mattatoio in corso a Gaza che rivelano una grande preoccupazione per le ripercussioni degli avvenimenti in corso ma senza trarne le dovute conclusioni nelle relazioni politiche, diplomatiche e commerciali con Israele. Hanno accettato e mantenuto l'embargo contro i palestinesi di Gaza ed hanno mantenuto i rapporti di collaborazione militare, scientifico, economico con le istituzioni israeliane. Il governo israeliano ha messo non solo l’Europa ma anche la nuova amministrazione USA di fronte al fatto compiuto potendo godere di un livello di impunità per i propri crimini di guerra e contro l’umanità che la storia dal dopoguerra a oggi non ha assicurato a nessun altro stato

5)Il popolo palestinese vive un momento estremamente difficile dal quale potrebbe uscire ridotto ad una esclusiva questione umanitaria che negherebbe decenni di lotta politica e di ambizioni alla liberazione nazionale della Palestina. Il popolo palestinese da anni affronta la più pericolosa potenza militare esistente in Medio Oriente – Israele – potendo contare sul sostegno solo delle altre forze che animano la resistenza antisionista nella regione, a cominciare dal Libano. L’unità di tutte le forze della resistenza a livello regionale è un passaggio che i movimenti di solidarietà in Europa devono appoggiare con ogni sforzo

In questi giorni in molte città italiane – Roma, Milano, Bologna, Napoli, Pisa, Firenze, Lecce, Cagliari, Padova, Vicenza, Bari e tante altre – ci sono state alcune prime, tempestive e spontanee manifestazioni in solidarietà con il popolo palestinese, contro la strage in corso a Gaza e il terrorismo di stato israeliano. Questa mobilitazione deve proseguire nei prossimi giorni. Cortei sono già stati annunciati in diverse città italiane per sabato 3 gennaio. La nostra iniziativa deve dimostrarsi di essere capace di spezzare o mettere in crisi la catena delle complicità con i crimini di guerra israeliani a cominciare dagli anelli della disinformazione, della subalternità politica e della collaborazione militare e commerciale tra Italia e Israele

29 Dicembre
Il Forum Palestina
tratto da www.forumpalestina.org
Pubblicato da muamera a 11.43


Queste sono delle foto dell'attacco israeliano su Gaza










هذه الصورة مصغره ... نقره على هذا الشريط لعرض الصوره بالمقاس الحقيقي ... المقاس الحقيقي 620x418 والحجم 37 كيلوبايت .









هذه الصورة مصغره ... نقره على هذا الشريط لعرض الصوره بالمقاس الحقيقي ... المقاس الحقيقي 620x400 والحجم 31 كيلوبايت .









هذه الصورة مصغره ... نقره على هذا الشريط لعرض الصوره بالمقاس الحقيقي ... المقاس الحقيقي 620x392 والحجم 40 كيلوبايت .




Non abbiamo niente da fare se non pregare Il Piu' MISERICORDIOSO
Il Nostro Grande Signore per aiutare i nostri fratelli a Gaza per superare
questo critico periodo, e di dare loro tutta la forza neccessaria per resistere e recuperare
il sacro territorio del Kuds e per ottenere la vittoria sul nemico israeliano
che In Shaa ALLAH presto sara' espulso e senza ritorno
AAAAAMEN



الرجوع الى أعلى الصفحة اذهب الى الأسفل
http://4myegy.hooxs.com
 
Il terrorismo israeliano
الرجوع الى أعلى الصفحة 
صفحة 1 من اصل 1

صلاحيات هذا المنتدى:لاتستطيع الرد على المواضيع في هذا المنتدى
¨°o.O أســـ مصر ــــــود O.o°¨ :: «®°·.¸.•°°·.¸.•°™ ساحة أسود مصر العامة ™°·.¸.•°°·.¸.•°®» :: تطوير الذات-
انتقل الى: